Maratona S. Antonio 2012, i ringraziamenti



Ultimo post relativo alla “Maratona S. Antonio“, poi chiudo e penso al prossimo obiettivo.
Faccio come i “veri” personaggi, che al raggiungimento di un grande risultato colgono l’occasione per i ringraziamenti di rito, dividendo una parte del merito con le persone che gli stanno intorno.
Parto in rigoroso ordine alfabetico (così nessuno si offende se viene prima o dopo), quindi ringrazio:
Arianna, la mia piccola, una gioia continua, bellissima e bravissima, dorme, mangia, è affettuosa, simpatica, educata e non fa (quasi) mai i capricci, è praticamente il mio doping quotidiano… SEMPLICEMENTE “NANNA”!
Bàbel (diminutivo di Bàbelfut, se volete vi spiego…), la nostra gatta, da undici anni è una della famiglia, affettuosa a livelli di morbosità, a lei il merito di mettere sempre alla prova i miei riflessi appena sveglio, saltandomi letteralmente addosso… AMANTE!
I nonni tutti assieme (più avanti vado nello specifico) per l’incredibile aiuto quotidiano con Arianna, senza di loro sarebbe tutto decisamente più difficile e complicato… MITICI!
Nonna “Pupa”, chiunque metterebbe la firma per una suocera così, se poi ci vai anche d’accordo, diventa tutto più facile. Qualche volta la mia razionalità si scontra con la sua emotività, ma il bello di un rapporto è proprio nel confronto. Continuo però a dire che il dado in cucina è come il doping nello sport, troppo facile… DOPATA!
Nonno “Fabo” (AKA “Nono mato”), il mio primo tifoso! Riuscirebbe a dirmi che ho fatto una gran gara anche se mi sono ritirato o se sono arrivato camminando… ULTRAS!
Nonno “Pupo”, la sua bravura come nonno è inversamente proporzionale alle sue capacità informatiche… DIS-INFORMATICO!
Rocco e Maurizio, spesso compagni di allenamento, che accettano senza batter ciglio (quasi) ogni tipo di sofferenza… TANA DELLE TIGRI!
Valentina, se in (presto!) dieci anni di matrimonio (oltre ad altri cinque prima) non abbiamo praticamente mai litigato, un motivo ci sarà. Uguali come due gocce d’acqua per alcune cose, distanti anni luce per tante altre, e a questo punto il nostro segreto dev’essere proprio questo… UNA PAROLA NON BASTA!
“Zia” Marina e “zio” Herman, per le puntuali e-mail ed sms di complimenti dopo ogni gara… e per le tante cene vinte grazie a risultati insperati… ZII!
– tutti gli amici, compagni di squadra, colleghi, conoscenti e persone conosciute grazie alle gare, a questo blog e ai tanto bistrattati “social network”, scambiare commenti ed e-mail con voi è un piacere… SEMPRE CONNESSI!
– a chi non c’è più ma in realtà è come se ci fosse…

Posted by