Brooks Launch 5, la recensione dettagliata

Brooks Launch 5

Da pochi mesi Brooks ha lanciato sul mercato italiano il modello 5 delle Launch, una scarpa molto apprezzata per la sua reattività e per mantenere una buona ammortizzazione. Come già sottolinerato da Diego (recensione Brooks Launch 4), le Launch sono sempre state apprezzate dai podisti al punto di scatenare un vero e proprio plebiscito contro la decisione di Brooks di cessarne la produzione.

Da allora sono stati sfornati modelli a ripetizione fino a arrivare alle fresche Launch 5.

Brooks Launch 5, la nostra opinione

Le Brooks Launch sono le scarpe da maratona del mio arsenale. Ho iniziato a utilizzarle nel 2013 come regalo di compleanno per i 33 anni e ci ho corso la Maratona di Torino nel 2013 con le fotoniche Launch gialle fluo con stringhe arancioni. Da allora il modello Launch l’ho impiegato in modo esaustivo per i medi, le ripetute e pressoché tutte le gare. Ho fatto fuori due paia di Launch, un paio di Launch 2, due paia di Launch 3, ben quattro paia di Launch 4 e il mio primo paio di Launch 5 si avvicina alla rottamazione. Posso quindi dire di esser quasi un esperto di tale scarpa e di poterne apprezzare differenze e miglioramenti avvenuti negli anni.

La filosofia di base è immutata: una scarpa reattiva, veloce, ma non estrema, che mantiene una buona ammortizzazione ed è abbastanza protettiva da poter essere usata per alti chilometraggi.

Brooks Launch 5: foto laterale

Brooks Launch 5: foto laterale

Ma come si pongono le Launch 5 rispetto ai modelli precedenti? Sono ancora reattive e sufficientemente ammortizzate? A quale tipo di runner si rivolge questo modello? Queste e altre sono le domande che ci siamo posti e alle quali abbiamo cercato di dare una risposta nella recensione. Come al solito l’articolo si divide in sezioni, potrete premere sul link per accedere alla parte che vi interessa:

Caratteristiche di base

Le Brooks Launch 5 sono scarpe neutre della categoria “energize” di Brooks e si pongono nel segmento denominato  “A2” della vecchia terminologia. Sono quindi scarpe per lavori di qualità a passi medio-veloci e per gare medio lunghe, ovviamente in relazione al peso e alla velocità del podista che le indossa.

Calzano comode come tutte le Brooks e la numerazione non differisce con gli altri modelli. Tra i pregi abituali abbiamo un avampiede ampio e comodo e soprattutto nel modello 5 una talloniera veramente avvolgente e confortevole. I lacci sono sempre elasticizzati e la nuova tomaia avvolge il piede perfettamente creando un’ottima sensazione di comfort.

Brooks Launch 5, caratteristiche

Brooks Launch 5: le caratteristiche e le tipologie d’utilizzo

Differenze rispetto al modello precedente

Le novità introdotte con il modello 5 sono concentrate nella tomaia, che diventa in “mesh engineered”. Ciò rende la parte superiore della scarpa più fasciante, più comoda e contribuisce a rendere la calzatura “una cosa sola” con il piede. La tomaia è in un unico pezzo, più traspirante e, adattandosi maggiormente al piede, diventa anche più comoda e dona una calzata ottima. Il comfort è garantito dalla linguetta imbottita e dal collare estremamente “pompato” che coccola il tallone e la zona del malleolo.

Caratteristiche tecniche

Di seguito le principali caratteristiche tecniche.

  • Peso ufficiale: 255 grammi, nella versione uomo US 9.
  • Drop: 10 mm
  • Altezza tallone / avampiede: 28mm / 18 mm
  • Support: neutro
  • calzata: comoda e fasciante
  • tallone: comodo e avvolgente
  • mesopiede: medio
  • avampiede: medio
  • spazio delle dita: buono
  • arco plantare: medio/alto

Estetica e forma

La Launch 5 sono… filanti. Non hanno una forma estrema, ma danno un sensazione di velocità e comodità che difficilmente si conciliano in altre scarpe. Il retro della scarpa è veramente ben ammortizzato mentre il mesopiede e avampiede sono molto flessibili e reattivi. La nuova tomaia è esteticamente azzeccata, con colori accattivanti ma sobri e una grafica minimalista senza cuciture né patch aggiunte.

Brooks Launch 5: estetica e forma

Brooks Launch 5: estetica e forma

Drop, intersuola e Suola

L’intersuola delle Launch 5 ha un drop di 10 millimetri, che risalta guardando la scarpa di lato. La zona del tallone ha probabilmente la suola più spessa di ogni altra A2 che va via via scemando verso la punta.

Le principali tecnologie adottate da Brooks per questa calzatura sono:

BioMoGo DNA

L’intersuola è formata da una schiuma che si adatta dinamicamente al passo, garantendo un’ammortizzazione proporzionale alla forza esercitata sul terreno. Al miscroscopio la mescola si presenta come una insieme di molecole individuali legate; tali catene reagiscono alla forza applicata disperdendo la pressione e fornendo resilienza. Brooks dichiara il 30% di ammortizzazione in più rispetto a gel o EVA e il doppio di ritorno di energia. In più la suola include additivi organici e non tossici che sono biodegradabili 50 volte più velocemnte dell’EVA.

Questa tecnologia unita all’inserimento di una zona di transizione specifica sul meso-piede, dona alle Launch la reattività che le rende idonee ai lavori più veloci e fa mantenere un livello di ammortizzazione discreto e adatto anche le sedute più lunghe a passo medio.

HPR Plus & Blown Rubber

HPR Plus è la mescola ad alta resistenza all’abrasione localizzata nel battistrada sotto al tallone e dona un’ottima trazione mantenendosi resistente nel tempo.  Il battistrada è bene tassellato, è flessibile e molto buono anche su asfalto bagnato

Segmented Crash Pad

La suola inferiore è segmentata per unire ammortizzazione e una fluida transizione punta-tallone durante la corsa. Il Crash Pad include sezioni indipendenti che ammortizzano gli urti e che lavorano individualmente per fornire il la giusta risposta e creare una perfetta transizione.

Engineered 3D fit print air mesh

Parliamo quindi di tomaia dove l’air mesh garantisce leggerezza e traspirabilità mantenendo però un ottimo supporto e fasciano il piede alla perfezione. Brooks usa un processo di screen-print che ottimizza la flessibilità riducendo il peso al minimo

Classificazione Launch 5

Le Launch sono A2 di vecchia concezione, ovvero non estreme. Questo per me le rende uniche e inimitabili. Ed in effetti non siamo gli unici podisti che in maniera conservativa hanno continuato a comprare le Launch per parecchi anni.

Comportamento nella corsa

Infilando un paio di Launch 5 ci sono due sensazioni che si avvertono e che lottano per farsi strada per prima nel nostro cervello: comodità e reattività.

Il piede è fasciato, ma la calzata è comoda. Il tallone è molto stabile, ma il collare è come un cuscino. Il drop e la forma della scarpa portano il piede in avanti e fanno sentire pronti allo scatto, ma le dita hanno spazio per muoversi e l’avampiede è confortevole. Un mix eterogeneo, ma, secondo me, perfetto. Mi fan venire voglia di correre forte, ma mi danno la sicurezza di essere protetto. Tengono il piede stabile e controllato, ma lasciano buona flessibilità.

Il drop e la tecnologia delle Brooks Launch 5

Launch 5: drop di 10 mm

 

Il drop 10 lavora molto bene, proietta in avanti il giusto e garantisce una facile rullata. Ai primi passi si apprezza la transizione molto fluida e l’ammortizzazione ben strutturata. Iniziando a spingere di più, le Launch mostrano la loro vera natura di A2, sono reattive con un’ottima trazione fino al mesopiede mentre il tallone è avvolta da una “nuvola” ammortizzante che protegge il piede anche nelle sessioni lunghe.

L’effetto ammortizzante è ben presente fino a ritmi “svelti”, rendendo quindi le Launch adatte non solo a ritmi veloci ma anche valide per qualche sessione di corsa facile.

La corsa con le Brooks Launch 5

Brooks Launch 5: quali tipi di corsa?

A chi sono adatte

Sono scarpe da “medio”, non da passi estremamente veloci, nè da ritmi lenti. Si comportano egregiamente in tutto ciò che sta nel mezzo.

Personalmente utilizzo solitamente le Launch 5 per ritmi dai 4:10 min/km ai 3:40 min/km. Ovvero, nel mio caso, per le ripetute dai 2000 m in su, per i medi e per i lenti e i lunghissimi vicini al ritmo maratona.

Le Launch sono da sempre le mie scarpe da gara e le ho calzate in quasi tutte le mezze maratone e maratone in cui ho corso. Con le Launch 4 ho siglato il mio PB alla maratona di Francoforte in 2h48′ e ho vinto una mezza maratona. Quindi perdonatemi l’attaccamento affettivo che pervade questo post. In ogni caso, ho usato le Launch 5 anche a ritmi più blandi in giornate fredde o in trasferte di lavoro. Devo dire che fino a 4’30” sono ancora molto valide. L’ammortizzazione DNA veramente trasforma la scarpa e lavora molto bene.

In conclusione le Launch 5 sono scarpe perfette per i ritmi medi e possono essere anche utilizzate a ritmi più blandi. Dovendo dare un numero, indicherei come 4:30 min/Km come limite più lento della scarpa mettendo però in evidenza che è intorno ai 4:00 min/Km che le scarpe danno il loro meglio.

Durata

La durata è come al solito molto relativa e soggetta a sensazioni e preferenze personali. Dalla mia esperienza posso dire che le Launch lavorano perfettamente per circa 350 Km dopodiché si inizia a perdere gradualmente la spinta di reazione e la scarpa diventa via via più secca. Si perde non tanto ammortizzazione, ma soprattutto l’effetto “molla” che aiuta a spingere e mantenere il passo gara per lunghi periodi. Insomma non utilizzerei una Launch con più di 300 Km per correre una gara da Personal Best.

Prezzi e Approfondimenti

A livello di prezzo le Launch 5 si pongono in fascia media, ma si possono trovare con sconti interessanti sia sul web che nei migliori negozi specializzati il che porta l’astina nella zona: ottimo rapporto qualità/prezzo!

Sintesi Brooks Launch 5

Valutazione sintetica delle Brooks Launch 5

Per acquistare, vi alleghiamo alcuni dei possibili siti da monitorare:

 

 


Posted by