Le maratone più veloci in Europa

Le maratone più veloci in Europa

Quante maratone si possono fare in un anno? Siete indecisi nella scelta dove gareggiare? Cercate il Personal Best sulla Maratona? Dove correre per ottenerlo? Il nostro consiglio è semplice: poche, ma buone. Il nostro suggerimento è quello di dedicare il vostro tempo, oltre ad allenarvi, a cercare la maratona giusta per voi e il vostro portafogli. Abbiamo chiesto agli unici due podisti italiani con PB in maratona sub 2h50′ e con la tessera Gold Lufthansa (se ce ne fossero altri… saremmo contenti di incontrarvi!), di stilare la classifica delle cinque maratone più veloci d’Europa.

Le 5 Maratone più veloci in Europa

Potremmo sintetizzare l’evoluzione del maratoneta in una sola sentenza. Si inizia da una vicino a casa, si passa a una in una città importante e si arriva a correre quella dei sogni, ovunque essa sia. Ma, dopo qualche anno, con l’esperienza e con sangue freddo, si guarda alla Maratona con occhi diversi e i criteri di scelta iniziano a cambiare.

Cercando su Internet, si trovano dati statistici e formule empiriche per calcolare quali percorsi siano i più veloci per correre da Personal Best. Tali calcoli si basano sui tempi d’arrivo dei top runner, i guadagni altimetrici, il numero dei partecipanti e la distanza in chilometri dai luoghi di residenza dei vincitori. E questi sono solamente alcuni dei criteri di scelta.

Massimiliano Doria, da buon ingegnere analitico, ha stilato una serie di parametri validi per scegliere al meglio. Per semplificare il racconto, Massimiliano ha chiesto aiuto al suo omonimo esperto di marketing e assieme è stata preparata una classifica dettagliata e qualche infografica di sintesi da condividere con i lettori del blog. La classifica non è ovviamente valida per un top runner, ma è rivolta a noi podisti amatori.

Massimiliano ha analizzato i diversi aspetti dando un voto da 1 a 5, dove il numero superiore corrisponde a una valutazione migliore. Ottenuto quindi un punteggio finale, è stata stilata la classifica complessiva. Ovviamente, se valutate uno dei criteri di scelta in maniera differente, la valutazione dei risultati sarà sicuramente diversa. Per esempio, se l’unico criterio è la prestazione finale, suggeriamo di andare a correre a Berlino, ma se altri parametri entrano in gioco, la gara tedesca non sarà quella al primo posto in classifica. Lasciamo al lettore il calcolo esatto, senza dimenticare che per ottenere un risultato eccellente a bassi costi, correre vicino a casa resta l’opzione migliore.

Le maratone più veloci in EuropaI parametri utilizzati sono:

  • Prestigio: la parola dice già tutto. Difficile quantificare il prestigio, ma in termini semplici si potrebbe considerare l’importanza e l’eco della gara, l’organizzazione, le attività legate e accessorie alla gara stessa.
  • Gruppo-Passo: indica la probabilità di trovare un proprio gruppo con cui correre, “allo stesso passo”, la gara. Ovviamente è un parametro legato anche al numero totale di partecipanti. Correre assieme a un gruppo sotto le 2h30′ richiede mediamente almeno 20.000 partecipanti, sotto le 2h50′ almeno 5.000 partecipanti, sotto le 3h almeno 3.000, sotto le 3h30′ almeno 500, sotto le 4h, non dovrebbero esserci problemi a trovare qualcuno.
  • Costi: costo intrinseco dell’iscrizione alla gara, prezzo medio del volo per raggiungere la città, comodità dei voli, costo medio degli hotel e vita nella città di destinazione.
  • Percorso: tipicamente, le cinque gare scelte hanno tutte un percorso molto veloce, per differenziare i risultati abbiamo usato un metodo analitico. Infatti, in questo parametro ci concentriamo sulle statistiche all’arrivo della media dei runner. Ovvero quanti in media migliorano la prestazione media ottenendo il Personal Best. Come già indicato precedentemente, i top runner sono esclusi.
  • Clima: probabilità di clima ottimale ed eventuali problematiche.
  • Calendario: quando cade il giorno della gara. Il voto è basato sulla periodizzazione standard degli allenamenti per la gestione di due maratone all’anno e sul giorno della gara in base al periodo della stagione primavera-autunno.
  • Pubblico: presenza di pubblico e attività-spettacoli durante il percorso.
  • Accesso: facilità di accedere alla gara, basata sulle modalità di iscrizione possibili.

Ci concentreremo in questo articolo sulle cinque gare europee da Personal Best. Nel prossimo articolo affronteremo quelle italiane, sempre puntando sulla velocità. Non avete tempo di leggere tutta la classifica e di capire i parametri ma siete seriamente interessati a capire dove gareggiare per ottenere il vostro Personal Best? Ecco la classifica in rigoroso ordine crescente:

  • 5° postoMaratona di Londra: una gara classica a fine aprile, difficile entrarvi con la lotteria, ma se non avete problemi di spesa, davvero consigliata.
  • 4° postoMaratona di Debno: perché spendere di più per raggiungere il Personal Best?
  • 3° postoMaratona di Berlino: la gara dei record del mondo offre tante opzioni, se non fosse a fine settembre sarebbe al numero uno anche nella nostra classifica.
  • 2° postoMaratona di Rotterdam: in Olanda si corre velocemente in tantissime maratone, ma Rotterdam resta la gara più veloce e organizzata al meglio, in un periodo perfetto per gareggiare.
  • 1° postoMaratona di Francoforte: meno nota della gara di Berlino, ma davvero una perla organizzativa e nel periodo migliore di forma di ogni podista amatore.

Nel seguito, la classifica dettagliata e le schede di ogni maratona.

  Prestigio Gruppo-Passo Costi Percorso Clima Calendario Pubblico Accesso Totale
Berlino 5 5 2 5 4 3 5 3 32
Londra 5 5 1 4 4 4 5 2 30
Rotterdam 4 5 3 4 4 5 4 5 34
Francoforte 4 5 3 5 5 5 4 5 36
Debno 2 3 4 5 5 5 2 5 31

Ma ora analizziamo i risultati nel dettaglio.

La maratona di Londra

Le maratone più veloci in EuropaÈ solamente in quinta posizione. Siete sorpresi perché la giudicate “La miglior gara europea”? Anche se il prestigio, la possibilità di correre con tantissime persone a qualunque ritmo, il numero di partecipanti e il calore del pubblico sono al top in Europa, non dimentichiamoci che il costo e le possibilità di accedervi la rendono una gara meno appetibile. Perché spendere di più quando si può spendere di meno? Beh, è un’esperienza unica, tra l’altro descritta da Gianmarco nel racconto sintetico della Maratona di Londra 2013. Ma siete sicuri che vorrete spendere quei soldi per la partecipazione?

Quinta Posizione – Londra – Totale 30 punti

Prestigio: 5/5 . È una Major e già questo basta e avanza. Gara eccellente e altisonante. Parteciparvi è già una vittoria.

Gruppo-Passo: 5/5. Gabbie e una sacco di gente. Troverete sicuramente il gruppo che corre al vostro passo.

Costi: 1/5. Prezzo d’iscrizione alto, difficile avere accesso al pettorale (solo lotteria, niente tempi di accesso garantito per i non residenti in UK) senza acquistare il “pacchetto completo” dalle agenzie di viaggio specializzate, città tra le più costose al mondo. Hotel che ne approfittano per il weekend della maratona dato l’affluenza enorme di gente. Trasporti, cibo e divertimenti sopra il prezzo medio europeo… volo aereo: per fortuna ci sono le compagnie low cost!

Percorso: 4/5. Piatta e scorrevole la prima parte. Gara da positive split a causa dei sottopassi e dei cavalcavia della seconda metà di gara e soprattutto dal passaggio all’Isola dei Cani con molte curve e solitamente vento incanalato nei corridoi tra gli alti palazzi, che può frenare i corridori più solitari.

Clima: 4/5. Solitamente nessun problema, ma essendo in aprile inoltrato e partendo tardi, in caso di caldo eccezionale si può risentirne. Punteggio non pieno anche per il vento possibile nella seconda parte del percorso.

Calendario: 4/5. Aprile va sempre bene, ma si va dopo la Pasqua… Rinunciare a colomba e uovo nocciolato personalmente le fa perdere un punto.

Pubblico: 5/5. Major… Pubblico folto e presente lungo tutto il percorso. Da non sottovalutare la possibilità di vedere il Principe Harry all’arrivo o magari Pippa Middleton. A ognuno i propri gusti!

Accesso: 2/5. Solo lotteria o tour operator. Probabilità media di 1 su 6 per la prima, costi alti per la seconda opzione. Per i non inglesi non esiste purtroppo un’opzione fast-runner con iscrizione garantita.

Maratona di Debno

Le maratone più veloci in EuropaDebno? Ma avete bevuto un litro di Barolo da soli prima di scrivere questa recensione? E dove si trova questa gara? Come tutte le perle, occorre dedicare del tempo per trovarla. In quarta posizione, la nostra classifica delle maratone più veloci in Europa seleziona Debno, in Polonia, con un totale di 31 punti. Se cercate la velocità, costi bassi e una condizione climatica ideale, potreste davvero iscrivervi alla maratona di Debno. Come si dice Personal Best in Polacco?

Quarta Posizione – Debno – Totale 31 punti

Prestigio: 2/5. Gara quasi sconosciuta, seppur non minuscola (sopra i 3.000 partecipanti).

Gruppo-Passo: 3/5. Con 3.000 partecipanti dovreste trovare il vostro gruppetto, ma non è garantito per i più veloci e magari, comunque poco folto.

Costi: 4/5. Iscrizione economica, città con hotel e ristoranti a basso costo. Non merita il 5 a causa degli aerei non comodissimi e non frequenti.

Percorso: 5/5.  Suggerita anche da Runner’s World per provare la gara perfetta sotto le due ore per gli elite. Mediamente i corridori finiscono con 79 secondi di vantaggio rispetto al proprio tempo medio realizzato sulla distanza.

Clima: 5/5. Inizio di aprile in Polonia, sicuramente fresco e in zona non ventosa.

Calendario: 5/5. Prima domenica di aprile, perfetta per gestire due gare tirate all’anno e prima delle vacanze di Pasqua dove ci si può poi divertire liberamente bevendo Franciacorta e Gattinara.

Pubblico: 2/5. Ovviamente limitato e solo nelle zone più importanti del percorso. Nessuno ovazione da stadio all’arrivo.

Accesso: 5/5. Iscrizione libera e a buon prezzo. Nessun problema né per iscriversi, né per pagare la maratona. Potrete farlo anche quasi all’ultimo istante, il vero costo però resta quello del volo, quindi assicuratevi di trovare una buona connessione e un costo limitato oppure di… avere miglia sufficienti!

Maratona di Berlino

Le maratone più veloci in EuropaPer chi avesse avuto dei dubbi, no: Berlino non è in prima posizione. Certamente per correre più velocemente possibile è la maratona ideale, ma ci sono almeno due ragioni per declassarla soltanto al terzo posto. Innanzitutto, si gareggia a fine settembre: siete davvero pronti ad allenarvi seriamente a giugno, luglio e agosto? Oppure preferite correre le gare serali? Siete pronti a correre i lunghi durante l’estate con più di trenta gradi? Oppure avete intenzione di correre sul tapis per due ore e mezza? A ogni modo, rispondendo negativamente a ognuna delle domande, vi consigliamo di cercare altrove. Il secondo problema è la programmazione dell’evento: costi alti, alberghi pieni, voli limitati. Certo è che Berlino resta la maratona più veloce, dal fascino unico e con la possibilità di correre a tutti i ritmi possibili e immaginabili.

Terza Posizione – Berlino – Totale 32 punti

Prestigio: 5/5. Ancora una Major, la più veloce al mondo con il record di Kimetto di 2h02’57” nel 2014.

Gruppo-Passo: 5/5. Gabbie per tempi e tantissimi runner. Non solo c’è il vostro gruppo, ma all’inizio ci sarà pure traffico, anche correndo a 3’30” al km!

Costi: 2/5. L’iscrizione è alta, gli hotel pieni e prenotati da un anno all’altro con conseguente aumento pirata dei prezzi. Mangiare non è caro e nemmeno i trasporti. Pochi aerei da Milano a Berlino, diretti solo da Linate o Bergamo.

Percorso: 5/5. Piatto, veloce. Perfetto.

Clima: 4/5. Ultima domenica di settembre, può ancora fare caldo. Nel 2016 per esempio è stato eccezionalmente caldo.

Calendario: 3/5. Fine Settembre… Un po’ presto… Preparazione specifica che inizia a luglio nel boom del caldo. Vacanze estive soggette a sveglie estreme per fare i lunghissimi senza morire di caldo e rinunce alimentari durante il periodo di relax lavorativo meritatamente guadagnato.

Pubblico: 5/5. Tanto. Ovunque. Chiassoso e presente. Spettacolo!

Accesso: 3/5. Lotteria, tour operator e opzione fast runner con accesso garantito, riservata per chi ha un tempo inferiore a 2h45′. Lotteria più “umana” rispetto a Londra.

Maratona di Rotterdam

Le maratone più veloci in EuropaRotterdam è la seconda città più importante dei Paesi Bassi ed è sede nella prima settimana di aprile di una delle maratone più frequentate dai podisti europei. Le condizioni climatiche sono tipicamente favorevoli, ma attenzione perché nulla è certo: nel 2017 abbiamo assistito a temperature superiori alla norma.

Seconda Posizione – Rotterdam – Totale 34 punti

Prestigio: 4/5. Non è una Major, ma una delle top a livello europeo. Maggior evento sportivo annuale per l’Olanda.

Gruppo-Passo: 5/5. Molto frequentata, partecipanti alla maratona superiori ai 15.000. Sicuramente troverete il vostro gruppetto.

Costi: 3/5. Costo della maratona onesto, hotel abbondanti e non troppo intasati che mantengono i prezzi standard per la città europea (un po’ cari per noi). Mangiare, a meno che non si scelga un fast-food, è caro così come lo sono i trasporti. Si vola facile ad Amsterdam con EasyJet, al limite anche verso vicine città europee.

Percorso: 4/5. Piatto e veloce, qualche problema di vento forte in corrispondenza del ponte di Erasmo (che si percorre due volte).

Clima: 4/5. Fresco di inizio aprile olandese. Vento c’è sicuro, probabilmente poco. Non prende punteggio pieno perché il vento potrebbe influenzare il risultato. Inoltre nel 2017 si è osservata un’ondata di caldo davvero anomala per il periodo che ha reso quasi impossibile correre velocemente.

Calendario: 5/5. Inizio di aprile, come al solito perfetto come calendario e periodo.

Pubblico: 4/5. Intorno al milione di spettatori distribuito lungo tutto il percorso. Un po’ limitato nella parte nord-est, ma tutto sommato veramente buono.

Accesso: 5/5. Iscrizioni aperte a tutti, ma fate in fretta perché solitamente va “sold out” molto prima della chiusura.

Maratona di Francoforte

Le maratone più veloci in EuropaNon è esattamente una sorpresa, o forse per alcuni lo è, ma la maratona di Francoforte offre davvero qualcosa di unico nel panorama delle maratone europee. Perché? Non c’è una sola ragione, ma moltissime: percorso, partecipanti, clima, calendario, organizzazione. Davvero tutto è quasi perfetto. Anche i costi sono relativamente limitati. Cosa aspettate a iscrivervi?

Prima Posizione – Francoforte – Totale 36 punti

Prestigio: 4/5. Non è una Major, ma in ogni caso la più antica e la seconda maratona più importante e frequentata della Germania.

Gruppo-Passo: 5/5. Ben frequentata e a gabbie. Trovare un gruppo a cui attaccarsi è garantito, siamo sui 15.000 partecipanti.

Costi: 3/5. Voli frequenti con la compagnia di bandiera e a prezzi vantaggiosi prenotando prima. Dobbiamo comunque considerare qualche notte in hotel e ristoranti, che nonostante siano più economici di tante città europee, rimangono costi accessori importanti.

Percorso: 5/5. Cittadino, piatto e veloce. Statisticamente la gara europea più veloce escludendo gli elite. Analizzando gli arrivi al traguardo degli amatori, risulta la gara con i tempi medi inferiori. Arrivo caratteristico al coperto nell’edificio della Fiera.

Clima: 5/5. Fresco di fine ottobre. Problemi di caldo esclusi. In più si guadagna un’ora di sonno la domenica della gara per il cambio dell’ora.

Calendario: 5/5. Fine ottobre, ottimo come calendario e periodo. Valore aggiunto del cambio dell’ora.

Pubblico: 4/5. Più di 500.000 spettatori, presenti un po’ ovunque dato che il percorso si snoda nel centro. Molto numeroso all’arrivo essendo concentrato in zona coperta.

Accesso: 5/5. Iscrizione libera. Applausi.

Conclusioni e approfondimenti

Così è deciso… ma l’udienza non è tolta! Speriamo che le indicazioni fornite possano esservi utili, a prescindere dal risultato finale. Ciascuna di queste cinque gare vale la pena di essere corsa al massimo e vi darà la possibilità di migliorare il vostro Personal Best. Giudicate poi voi a che parametri dare maggior peso e quali trascurare a seconda delle vostre esigenze e caratteristiche personali… E perché no, commentate l’articolo con la vostra classifica personale!

Per approfondimenti, suggeriamo di leggere i principali articoli per preparare una maratona. Come direbbe una pubblicità, per iscriversi basta una carta di credito ma per correre una maratona serve tenacia, costanza, allenamento e alimentazione:

  • La maratona secondo Pizzolato, in realtà il libro parla di corsa in generale, ma Pizzolato è famoso per la maratona.
  • La tabella della maratona di Luciano Pappa, in realtà il libro parla della preparazione delle gare su strada, ma le tabelle della maratona di per sé valgono il prezzo del libro.
  • La preparazione della maratona di Albanesi, il libro è definito un manuale, e come tale il titolo potrebbe spaventare il lettore, ma se non l’avete ancora letto, probabilmente dovreste farlo. Un aiuto per ottenere il vostro futuro Personal Best in una delle cinque maratone.
  • Carboidrati e maratona, la sera prima della gara, stampatevi quest’articolo, considerato uno dei migliori del blog e tra i venti più letti. Davvero dovreste partecipare al pasta party?
  • Preparazione della maratona, una sintesi su come conciliare allenamento e alimentazione per la maratona. Uno degli articoli più commentati, sempre attuale.
  • Approccio low carb e maratona, uno degli articoli più complessi del sito, suggeriamo di leggerlo attentamente.
  • Allenamento polarizzato e maratona, come affrontare la maratona alternando uscite lente e veloci.
  • Il carico dell’allenamento, un articolo recente su come analizzare il carico dell’allenamento, per affrontare al meglio la maratona.

Posted by