“Il cavallo scende in pista 2015”, 5.000 m pessimo, Beer Mile ottimo!

Beer Mile

Beer MileDue gare in un’ora: una seria e una goliardica. Neanche a farlo apposta, pessimo risultato nella gara seria, ottimo in quella goliardica!

5.000 m in pista

16’24” finale, prima volta (su quattro occasioni: 2011, 2013 qui e 2014 qui) sopra i sedici minuti: non sono mai entrato veramente in gara, con un “furore” agonistico sotto le suole dallo sparo all’arrivo. Sarà che finora sono andato un’unica volta in pista (sabato 9 maggio), sarà che era la terza gara in quindici giorni (qui e qui le due precedenti, con sensazioni e risultati cronometrici in proporzione nettamente migliori), sarà che faceva più caldo degli ultimi giorni… per fortuna era il primo di tre 5.000 m (probabilmente il 17 e sicuramente il 21 giugno, sempre a Gorizia), vedremo nei prossimi.

Qui il GPS, qui la classifica. Nonostante un passaggio lento ai 3.000 m (9’45”), non sono riuscito a cambiare ritmo negli ultimi due chilometri. Forse il fatto di rimanere da solo dal quarto giro in poi non ha aiutato, tanto che nel rettilineo finale non ho nemmeno reagito all’inaspettato sorpasso. Inutile fasciarsi ora la testa, ne ho altri due per riscattarmi…

Beer Mile (1.609 m in pista con 4 birre da 33 cl alc. 5,0% vol.)

Qui il regolamento ufficiale, in breve: 4 lattine da 33 cl alc. minimo 5,0% vol. Si parte birra in mano, allo sparo si apre la lattina, si beve, poi un giro di pista, si continua così alternando birra e giro per un totale di quattro volte, più i nove metri iniziali per arrivare al miglio. Non si può “strizzare” la lattina per velocizzare la fuoriuscita della birra, prima di ripartire bisogna girarla per verificare che sia effettivamente finita e, in caso di vomito durante la gara, si deve effettuare un giro aggiuntivo. Il segreto del successo non è tanto correre forte, quanto bere veloce!
Sicuramente il non aver bevuto niente dalla fine del 5.000 m (18:30) all’inizio del Beer Mile (19:30) è stata la scelta vincente: sete incredibile e bocca secca, tanto che le prime due birre sono andate giù sciolte. Il problema principale è dosare lo sforzo durante il giro di corsa, per arrivare all’appuntamento con la birra non troppo affannato, in modo da riuscire a berla abbastanza velocemente.
Chi ha fatto il record del mondo (4’57”!!!) è riuscito a bere ogni birra in un colpo solo (apri–>capovolgi–>bevi–>butta), io mediamente mi sono interrotto ogni volta almeno una o due volte, quindi lavorandoci un po’ si può migliorare parecchio. Dal lato corsa, mediamente stavo intorno ai 3’00” al km (1’12” a giro), con un ultimo giro in 1’10”, non male calcolando la zavorra di 1,3 litri nello stomaco. Birre bevute in circa 10”-20”-20”-20” (1’10” totali). Sono stato lento soprattutto nella fase prendi_la_lattina–>apri_la_lattina.

Qui il GPS della gara: ho vinto in 6’30”, il secondo è arrivato in 7’28”, il terzo in 7’46”. Migliorando di circa 6” a birra (anche qualcosa di più, velocizzando la fase di presa e apertura…) e tirando un po’ di più negli ultimi due giri, ecco che il muro dei 6′ è abbattibile… ;-)

Qui il video della “performance”…

P. S. 1 L’alcool, mentre si corre, NON è un problema (lo diventa circa dieci minuti dopo l’arrivo…): i veri “problemi” sono i liquidi e il fatto che la birra è gasata!

P. S. 2 Io non bevo praticamente MAI birra (preferisco nettamente il vino rosso, di livello eh)… ;-)


Posted by