4 gare in 8 giorni…

4 gare in 8 giorni

4 gare in 8 giorni

Mia figlia ha approvato le quattro gare…

… 5 gare in 11 giorni o addirittura 6/7 gare in 14/15 giorni?

Al 99% mi accontenterò della prima combinazione, che già mi sembra impegnativa, lasciando uno spiraglio minimo per la seconda. Per la terza, le possibilità sono quasi nulle.

Ecco nel dettaglio il tour de force…

 

1) Domenica 14 giugno 2015: 10 km su strada (a Trieste, “Giro di San Giacomo – Campionato Regionale 10 km su strada”). Percorso nuovo tutt’altro che pianeggiante, si parte alle 9:30, temperatura prevista intorno ai 30°, un bel po’ di asfalto come panorama, aria da respirare non proprio “di montagna”. Obiettivo: fare une bella gara! Non avendo riferimenti cronometrici su quel percorso, varrà il confronto con gli altri.

2) Mercoledì 17 giugno 2015: 5.000 m in pista (a Gorizia, “Meeting città di Trieste”). Si corre alle 21:20: BENE per il clima, MALE per come sono abituato dal lunedì al giovedì (a quell’ora sono già a letto o quasi…). Su quella pista ho corso i 5.000 m due volte, vincendo e lottando solo contro il tempo in entrambe le occasioni (15’45” nel 2011, 15’50” nel 2013, qui). Ci saranno probabilmente professionisti con tempi a cavallo tra 13 e 14 minuti, speriamo anche qualche atleta con tempi simili ai miei. Obiettivo: lottare per il personal best (quindi sotto 15’45”).

3) Sabato 20 giugno 2015: 1.500 m in pista (a Gorizia, “Campionato Regionale Master”). Li affronterò senza alcuna preparazione specifica, giusto per togliermi lo sfizio e vedere quanto valgo ora rispetto ai miei unici due tentativi (4’20” nel 2007 e 4’18” nel 2008), corsi in maniera altrettanto “ignorante”. Obiettivo: personal best (quindi sotto 4’18”).

4) Domenica 21 giugno 2015: 5.000 m in pista (a Gorizia, “Campionato Regionale Master”). Stessa pista di quattro giorni prima, altro orario (11:00, a sole sedici ore dal 1.500 m del giorno prima). Gara da impostare anche in base al risultato del 5.000 m di mercoledì sera, tenendo presente ovviamente anche quella della sera prima e la situazione climatica (le 11:00 del 21 giugno…). Obiettivo: sopravvivere!

Con così tanti stimoli agonistici, gli altri giorni non farò praticamente nulla: lunedì 15 giugno riposo, martedì 16 giugno corsa lenta di recupero con qualche allungo, giovedì 18 giugno riposo, venerdì 19 giugno corsa lenta di recupero con qualche allungo.

Visto che qualcuno in privato me l’ha già chiesto, ecco in linea di massima la “strategia alimentare” per questi impegnativi otto giorni.
Fermo restando che sono da tempo abituato a ciclizzare i vari macronutrienti a seconda della programmazione, delle diverse giornate e allenamenti (passo da giorni “low carb e high fat” a giorni “high carb e low fat” e saltuariamente anche a giorni quasi a-proteici…) e che prossimamente ne scriverò in maniera più completa e dettagliata, ecco in breve come farò: sabato 13 giugno “high carb”, domenica “high carb” solo a pranzo, lunedì “low carb”, martedì “high carb” solo a cena, mercoledì “high carb” solo a colazione (il pranzo sarà molto leggero) e qualcosina a cena, giovedì e venerdì “low carb”, sabato “high carb” a colazione (il pranzo sarà quasi inesistente), poi “very high carb” subito dopo i 1.500 m, domenica colazione quasi inesistente. Domenica a pranzo e/o a cena… tutto HIGH, incluso il wine (sempre “top quality” eh)!!!

Tenendo presente che per le gare brevi non è strettamente necessario partire a scorte (glicogeno muscolare ed epatico) piene, l’obiettivo sarà arrivare con un “carico” buono soprattutto a domenica 14 giugno (10 km su strada), discreto a mercoledì 17 giugno (5.000 m in pista), scarso a sabato 20 giugno (1.500 m in pista), discreto a domenica 21 giugno (5.000 m in pista). Glicogeno in meno vuol dire acqua in meno… quindi meno peso e maggior sensazione di leggerezza: provare per credere!

E le gare numero “5”, “6” e “7” (ripeto… 1% di possibilità di realizzazione)? Se proprio la voglia sarà tanta… ma è inutile anche solo pensarci prima di lunedì 22 giugno!


Posted by