“Trofeo Val Rosandra 2013”, la testa è fondamentale

Arianna in pista

Arianna in pistaCapita di partire per una gara per correrla al massimo delle proprie possibilità…
Capita a ogni passaggio di buttare un occhio al display dei tempi: 35” ai 200, 1’46” ai 600, 2’59” ai 1.000…
Capita di fare calcoli, della serie “Ormai il personale è andato, cerchiamo almeno di correre sotto i 9′, tanto tra cinque giorni ho un altro 3.000 dove cercare il tempo”…

Ecco in definitiva il riassunto della mia gara di sabato.
A differenza dello scorso anno (qui), dove volevo fortemente andare per la prima volta sotto i 9′ minuti, è bastato un minimo di rilassamento per “accontentarsi” e finire comunque con un onesto (tenendo conto della gara in solitaria e del clima) 9’09”.
L’ennesima conferma di come la testa sia fondamentale quando si tratta di faticare al limite delle proprie possibilità! Non dico di aver finito fresco, ma sicuramente non distrutto come per i 5.000 della settimana scorsa o i due 3.000 dell’anno scorso.

Bene così, ora si tratta di recuperare per ripresentarsi giovedì sera con le pile nuovamente cariche: lì sarà gara vera, non solo contro il tempo!

Qui il GPS della gara (giovedì si corre senza orologio…), qui la classifica completa.


Posted by