“Karhu Fast2 Fulcrum Ride”, la prova su strada



Prima uscita per testare degnamente le nuove scarpe. Nessuna seduta particolare in programma, più che altro correre a sensazione per un totale di 18 km, sono pur sempre in periodo di “scarico”, quindi vietato controllare il ritmo sul GPS… ;-)
Parto come sempre molto piano, nei primi metri di corsa le sensazioni riguardo alla calzata vengono confermate. La tomaia morbidissima avvolge il piede come un guanto, impendendo qualsiasi movimento indesiderato all’interno della scarpa. La suola risulta ammortizzata senza eccessi. Si sente decisamente la differenza tra camminare e correre: più si aumenta il ritmo, più la scarpa risulta secca e reattiva. L’avanpiede è abbastanza scarico, quindi non dovrebbero esserci troppi problemi a ritmi più sostenuti. Continuo senza problemi per circa 14 km, a questo punto alzo un po’ il ritmo per valutare la differenza di risposta: anche intorno ai 4′ al km, nessun problema, anzi: sembra quasi di correre con un paio di A2!
Riassumendo:
– tomaia morbidissima e avvolgente;
– suola ammortizzata ma non in maniera eccessiva;
– risposta elastica buona anche a ritmi più sostenuti (sotto i 4′ al km), favorita dall’avanpiede abbastanza scarico;
– peso e morbidezza da A3, sensazioni di corsa da A2.
Karhu si rivela quindi una piacevole sorpresa!
Qui trovate l’allenamento di oggi (click in alto a destra su “Visualizza in Metrico” se preferite vedere i dati in km e non in miglia).
Alla prossima!

Modello recensito: Karhu Fast2 Fulcrum Ride

Posted by